Home Page


Festa di San Luca
Festa dell'uva
 
 
Proloco Territorio Turismo Informazioni utili E-mail


 

"La Festa dell'Uva"

    Per la prima volta in ITALIA, nel 1926, si è celebrata ad Impruneta la festa dell'Uva. Sospesa durante la guerra l'usanza fu ripresa nel 1950 e da allora si è sviluppata sempre più facendo affluire all'Impruneta turisti italiani e stranieri. La sfilata dei carri allegorici costruiti nei quattro rioni del paese: Fornaci, Pallò, S. Antonio e Sante Marie rappresenta l'aspetto più importante e conclusivo della festa. Grande rivalità esiste nei rioni nei giorni che precedono e che seguono la festa. Quel giorno e nei giorni precedenti si svolgono varie iniziative e degustazione di uva e vino; vengono esposti anche prodotti dell'artigianato locale. La Festa dell'Uva si svolge di solito l'ultima domenica di Settembre.
   I quattro rioni dal 1994 sono coordinati dal Comitato Rionale Imprunetino, associazione costituita per avere un riconoscimento legale e fiscale. Nulla è cambiato all'interno dei rioni per quanto riguarda l'allestimento dei carri allegorici.
 
  "Il Rione delle Fornaci"
   Questo è il rione che deve il nome ai luoghi in cui viene effettuata la lavorazione del cotto ed è proprio dalla terra che, plasmata, regala orci, mattoni, vasi. E' dal lavoro dell'uomo che nasce il rione delle Fornaci. Rosso è il suo colore.
 
   "Il Rione delle Sante Marie"
   Celeste è il colore del Rione delle Sante Marie che prende il nome dall'omonimo Monte situato al centro del territorio del rione stesso. Questo comprende la parte di paese che si estende dalla piazza Buondelmonti, alle spalle della Basilica, fino al confine col comune di Greve in Chianti.
 
   "Il Rione del Pallò"
   Verde è il colore del rione del Pallò come le Pinete che hanno dato il nome all'Impruneta, i boschi e i campi che lo circondano. E verdi sono le foglie delle viti che danno il buon vino. Il curioso nome del Pallò si fa derivare, invece, dall'esistenza, nell'antichità di un luogo pianeggiante usato per il gioco delle bocce: il pallaio. Ed è per questa ragione che sullo stemma del rione appaiono tre bocce rosse sopra ad un pampano argentato.
 
   "Il Rione del Sant'Antonio"
   In vetta al Monte S. Antonio, collinetta boscosa che scende quasi a sfiorare la bella piazza dell'Impruneta, si trova una cappellina dedicata all'omonimo Santo. Per questo, il rione che si stende alle falde di questa collina, sul lato ovest, è il rione "S. Antonio". Il colore della sua bandiera è il bianco. Delle sue strade alcune corrono nel centro storico del paese, altre, quelle periferiche, si affacciano su un panorama stupendo, fatto di dolci vallate, di prati e di boschi.
Zoom Zoom Zoom

Zoom Zoom